La Madonna del Giorno (9 Dicembre) - MADRE DI DIO DELLA CONSOLAZIONE, CRACOVIA, POLONIA

La Polonia viveva una fase estremamente difficile: il sistema economico era in rovina, il Paese si era fortemente spopolato ed era stremato da un lungo periodo di guerre. Il re Casimiro III di Polonia nel 1349, uccise il messaggero del vescovo che gli comunicava la scomunica a causa dell’immoralità pubblica dei suoi costumi. Fece tagliare un buco nel ghiaccio del fiume Vistola, il più lungo della Polonia e lì fece gettare il messaggero, in modo che annegasse nelle sue acque gelide.

Pentito poi, di quel gesto estremo, Casimiro iniziò un cammino di conversione che gli valse il titolo di “Grande”. Fu l’unico re cui venne attribuito questo appellativo in tutta la storia polacca. Costruì numerosi castelli, ricostituì l’esercito polacco, riformò il diritto privato e quello penale. Sempre a Casimiro si deve la fondazione dell’Università di Cracovia, prima in Europa settentrionale, sebbene la sua morte ne bloccò lo sviluppo. La vera e propria fioritura di questa istituzione si ebbe con i suoi successori.

Nella città di Kazimierz, a cui diede il suo nome nel 1335, fondò la Chiesa agostiniana di Santa Caterina d’Alessandria. La costruzione iniziò nel 1363 e ci volle quasi un secolo per essere completata, anche se una serie di sfortunati eventi come terremoti, alluvioni, incendi, nonché invasioni, misero a dura prova l’edificio e fecero sì che necessitasse di continue opere di ristrutturazione.


Esterno della Chiesa agostiniana di Santa Caterina d’Alessandria

All’interno di questa chiesa ora elevata a Basilica, si trova una cappella dedicata alla Madre di Dio della Consolazione, e qui si può ammirare un affresco del 1400, salvato quasi miracolosamente dal chiostro. L’affresco presenta la Vergine Maria con dei lunghi capelli biondi, un abito d’oro damascato e un mantello azzurro abbellito da rose. La Madre di Dio posa i suoi piedi su di una mezzaluna, mentre tiene in braccio un bambino Gesù nudo, tra i santi Agostino e Nicola da Tolentino. Intorno alla sua figura si trovano riquadri più piccoli che illustrano i suoi miracoli. Si tratta della cappella patronale dell’Arciconfraternita della Matka Boża Pocieszenia: (la Madre di Dio della Consolazione.)

Gli interni bianchi della navata centrale e del presbiterio sono particolarmente impressionanti perché si differenziano notevolmente da altre chiese nello stesso stile: Chiesa dell’Assunzione di Maria Vergine e Chiesa del Corpus Domini. Gli elementi decorativi nella chiesa sono molto semplici, il che sottolinea ancora di più il carattere del tempio. Tra le opere più preziose si possono distinguere: l’altare maggiore in stile barocco con il quadro di Andrzej Wenesta che raffigura le scene della vita di Santa Caterina nonché la pietra sepolcrale di Wawrzyniec Spytka Jordan in stile tardo rinascimentale eseguita da Santi Gussi.

Nell’arco divisorio tra la navata centrale e il presbiterio si trova il crocifisso barocco, circondato dalle statue di angeli che tengono le insegne della Passione di Gesù Christo; gli angeli furono scolpiti durante la seconda guerra mondiale (nel 1944) da Karol Muszkiet.


Interno della Chiesa agostiniana di Santa Caterina d’Alessandria

Tuttavia l’affresco più prezioso è il meraviglioso rimane quello della Madre di Dio della Consolazione, probabilmente la più vecchia immagine della Vergine in Polonia.

Alla morte del re Casimiro III, il regno aveva un’estensione pressoché raddoppiata (soprattutto attraverso l’annessione di vasti territori dell’odierna Ucraina), era in atto una crescita prosperosa, la ricchezza aumentava e c’erano prospettive incoraggianti per il futuro.

Nel 1950, durante l’egemonia comunista, gli agostiniani polacchi furono costretti a sciogliersi, per tornarvi poi solo nel 1989, dove a Santa Caterina iniziarono un ennesimo restauro degli edifici che nel frattempo avevano subito un ulteriore deterioramento.

Il 9 dicembre 2000 l’autorità di Papa Giovanni Paolo II unitamente al cardinale Franciszek Macharski, arcivescovo di Cracovia incoronarono l’immagine della Madre di Dio della Consolazione di Santa Caterina.

La sua confraternita festeggia la festa di questa immagine il 4 settembre.

TOUR VIRTUALE PELLEGRINAGGIO delle Chiesa

clicca il link -> http://parafia-kazimierz.augustianie.pl/vtour/

Fonti:

http://www.wherewewalked.info/feasts/12-December/12-09.htm

https://it.wikipedia.org/wiki/Casimiro_III_di_Polonia

http://www.pilgrimage-poland.eu/

Foto da: http://krakow.travel/it/231-krakow-church-of-st-catherine-and-st-ma...

Visualizzazioni: 18

Commento

Devi essere membro di Santa Maria per aggiungere commenti!

Partecipa a Santa Maria

Compleanni

Oggi non vi sono compleanni

Guarda la stella invoca Maria

O tu che nell’instabilità continua della vita presente t’accorgi di essere sballottato tra le tempeste senza punto sicuro dove appoggiarti, tieni ben fisso lo sguardo al fulgore di questa stella se non vuoi essere travolto dalla bufera. Se insorgono i venti delle tentazioni e se vai a sbattere contro gli scogli delle tribolazioni, guarda la stella, invoca Maria!

Se i flutti dell’orgoglio, dell’ambizione, della calunnia e dell’invidia ti spingono di qua e di là, guarda la stella, invoca Maria! Se l’ira, l’avarizia, l’edonismo squassano la navicella della tua anima, volgi il pensiero a Maria!

Se turbato per l’enormità dei tuoi peccati, confuso per le brutture della tua coscienza, spaventato al terribile pensiero del giudizio, stai per precipitare nel baratro della tristezza, e nell’abisso della disperazione, pensa a Maria!

Nei pericoli, nelle angustie, nelle perplessità, pensa a Maria, invoca Maria! Maria sia sempre sulla tua bocca e nel tuo cuore. E per ottenere la sua intercessione, segui i suoi esempi. Se la segui non ti smarrirai, se la preghi non perderai la speranza, se pensi a lei non sbaglierai. Sostenuto da lei non cadrai, difeso da lei non temerai, con la sua guida non ti stancherai, con la sua benevolenza giungerai a destinazione.

S. Bernardo

Forum

MESE AL SACRO CUORE DI GESU’ (28 Giugno) – APOSTOLI DEL CUORE DI GESU’

Iniziata da Padre John Francesco Maria Lim 28 Giu 2019. 0 Risposte

Essere devoti del Sacro Cuore è un gran bene, ma esserne apostoli è cosa più eccellente.Il devoto si contenta di rendere a Gesù particolari atti di amore e di riparazione; ma l’apostolo lavora affinché la devozione al Sacro Cuore sia conosciuta,…Continua

Tag: Giugno, TOMASELLI, MESE, AL, SACRO

SOLENNITÀ’ DEL SACRATISSIMO CUORE DI GESÙ – Primo Venerdì dopo la domenica del Corpus Domini

Iniziata da Padre John Francesco Maria Lim 28 Giu 2019. 0 Risposte

Sacro Cuore di Gesù, confido in Te! Dolce Cuore del mio Gesù, fa ch’io t’ami sempre più!  O Gesù di amore acceso, non Ti avessi mai offeso! Queste sono alcune delle tante amorose e devote giaculatorie, che nei secoli sono state e sono pronunciate…Continua

Tag: DI, GESÙ, CUORE, SACRATISSIMO, DEL

MESE AL SACRO CUORE DI GESU’ (27 Giugno) – LA TIEPIDEZZA

Iniziata da Padre John Francesco Maria Lim 27 Giu 2019. 0 Risposte

Nel libro dell’Apocalisse (III 15) si legge il rimprovero che Gesù fece al Vescovo di Laodicea, il quale si era rallentato nel divino servizio: Mi sono note le tue opere e so che non sei né freddo; né caldo. O fossi tu freddo o caldo! Ma poichè sei…Continua

Tag: SACRO, AL, CUORE, DI, GESU'

MESE AL SACRO CUORE DI GESU’ (26 Giugno) – GESU’ ED I PECCATORI

Iniziata da Padre John Francesco Maria Lim 25 Giu 2019. 0 Risposte

“I peccatori troveranno nel mio Cuore la sorgente e l’oceano infinito della misericordia!” Questa è una delle promesse che Gesù fece a S. Margherita.Gesù s’incarnò e morì in Croce per salvare le anime peccatrici; ad esse mostra ora il suo Cuore…Continua

Tag: AL, MESE, SACRO, CUORE, DI

© 2020   Creato da Santa Maria.   Tecnologia

Segnala un problema  |  Termini del servizio